Comunicato 18.11.2018 Statuti - PPD Capriasca

Vai ai contenuti

Menu principale:

Comunicati stampa
                      Partito Popolare Democratico
Sezione della Capriasca
      
        
          18.11.2018        
                                          
      
               NUOVI STATUTI DELLA SEZIONE COMUNALE DI CAPRIASCA              
      
STATUTI PPD CAPRIASCA
Titolo 1: Disposizioni generali

Art. 1: Denominazione e principi
Il “Partito Popolare Democratico Capriasca” (PPD Capriasca) è un Partito politico organizzato secondo gli
articoli 60-79 del Codice civile.
Il PPD Capriasca aderisce al Partito Popolare Democratico svizzero (PPD svizzero), al Partito Popolare
Democratico Ticino (PPD Ticino) e ai loro principi politici.
Il Partito riunisce le donne e gli uomini che vogliono difendere gli interessi della comunità nel rispetto della
persona umana e del creato, ispirandosi ai valori del cristianesimo. I pilastri dell’azione del Partito sono la
responsabilità individuale, la solidarietà e la promozione del bene comune.

Art. 2: Scopo
Il Partito contribuisce allo sviluppo della società e all’organizzazione dello Stato secondo i principi di
solidarietà, sussidiarietà e federalismo definiti dallo statuto del PPD svizzero.

Art. 3: Sede
Il Partito ha sede presso il Presidente.

Art. 4: Rappresentanza
Il Partito è vincolato verso terzi dalla firma collettiva a due del Presidente e di un membro dell’Ufficio
presidenziale.

Titolo 2: Qualità di membro

Art. 5: Acquisizione della qualità di membro
Possono essere membri del Partito tutti coloro che si riconoscono nei principi e negli obiettivi del Partito e
si impegnano a rispettarne lo statuto. L’adesione al Partito va postulata al Segretariato della Sezione.

Art. 6: Diritti dei membri
Tutti i membri dispongono di un diritto di voto identico negli organi di cui fanno parte. Ogni membro può
esprimere liberamente la sua opinione all’interno del Partito.

Art. 7: Doveri dei membri
Ogni membro coopera alla formazione della volontà e del pensiero politici all’interno del Partito e collabora
alla realizzazione degli scopi del Partito.
I membri del Partito con cariche elettive, pubbliche o partitiche, presenziano alle sedute degli organi di cui
fanno parte e contribuiscono all’attuazione dei principi e degli scopi del Partito. Ogni membro può essere
tenuto a versare delle quote per il sostegno del Partito.

Art. 8: Sanzioni disciplinari
La violazione degli obblighi statutari da parte dei membri del Partito comporta l’applicazione delle seguenti
sanzioni disciplinari, secondo la gravità della violazione:
a) l’ammonimento;
b) la sospensione dell’attività nel Partito fino a 6 mesi;
c) la decadenza delle cariche di Partito;
d) l’espulsione dal Partito.
L’Ufficio presidenziale è competente per l’applicazione delle sanzioni disciplinari.

Titolo 3: Struttura del Partito

Art. 9: Ordine del giorno
Gli organi del Partito decidono unicamente sui temi indicati nell’ordine del giorno, salvo che almeno due
terzi dei membri presenti facciano richiesta di decidere su altri temi.

Art. 10: Votazioni, elezioni, nomine e designazioni
Le votazioni, le elezioni, le nomine e le designazioni avvengono per alzata di mano, fatto salvo quanto
previsto dal presente statuto. Esse avvengono per appello nominale o per voto segreto se così è deciso
prima di ogni votazione. Vale la maggioranza semplice, salvo che il presente Statuto preveda delle
maggioranze qualificate. Nel calcolo della maggioranza non sono computati né gli astenuti, né eventuali
schede bianche o nulle. In caso di parità, il presidente fa ripetere la votazione: in caso di nuova parità la
proposta è respinta.

Art. 11: Rappresentanza dei sessi e delle generazioni
Gli organi elettivi del Partito, a ogni livello, includono una rappresentanza di ciascun sesso e garantiscono
un’adeguata rappresentanza generazionale.

Art. 12: Nomina delle cariche
Gli organi elettivi di Partito sono nominati per un periodo di quattro anni entro la fine dell’anno in cui si
sono svolte le elezioni comunali.

Capitolo 2: Organizzazione

Art. 13: Organi

Gli organi della Sezione sono:
1. l’Assemblea sezionale
2. il Comitato.

Art. 14: L’Assemblea sezionale
L’Assemblea sezionale è composta dai membri del Partito che hanno diritto di voto nel Comune.
L’Assemblea sezionale è convocata dal Comitato almeno una volta all’anno.

Art. 15: Competenze dell’Assemblea sezionale
L’Assemblea sezionale:
a) approva il programma comunale e verifica la sua attuazione;
b) nomina il Presidente sezionale;
c) nomina i membri del Comitato;
d) approva e modifica lo statuto sezionale;
e) designa i candidati al Municipio e al Consiglio comunale;
f) approva i conti.

Art. 16: Comitato
Il Comitato è l’organo direttivo della Sezione.
Il Comitato è composto da 3 o più membri, tra i quali un Presidente, uno o più Vicepresidenti e un
Segretario.

Art. 17: Competenze del Comitato
Il Comitato:
a) nomina il o i Vicepresidenti, il Segretario e il Cassiere;
b) cura l’organizzazione del Partito nel Comune e ne conduce l’azione politica comunale;
c) attua le decisioni dell’Assemblea comunale e degli organi distrettuali e cantonali;
d) nomina i delegati al Comitato cantonale

Titolo 4: Strumenti di azione del Partito

Art. 18: Il Gruppo in Consiglio comunale
II Gruppo in Consiglio comunale attua il programma elettorale e promuove i principi e gli obiettivi del
Partito.

Art. 19: Segretariato
Il Segretariato provvede all’organizzazione generale del Partito, all’attività corrente, alla tenuta dei conti,
allo studio dei temi politici, all’informazione e alla collaborazione con tutti gli organi del Partito ai diversi
livelli.

Art. 20: Comunicazione
“Presenza” è l’organo ufficiale del Partito.
Titolo 5: Rimedi di diritto e responsabilità finanziaria

Art. 21: Rimedi di diritto
Contro le decisioni degli organi sezionali, ogni membro può ricorrere, entro 15 giorni dalla decisione,
all’Ufficio presidenziale del PPD Ticino, invocando la violazione dello statuto o della legge.
Il ricorso non ha effetto sospensivo, salvo che l’Ufficio presidenziale lo accordi.
Contro le decisioni dell’Ufficio presidenziale, comprese quelle su ricorso, ogni membro può ricorrere, entro
15 giorni dalla decisione, alla Direttiva cantonale, invocando la violazione dello statuto o della legge.
Il ricorso non ha effetto sospensivo, salvo che la Direttiva lo accordi.
Le decisioni del congresso cantonale, del Comitato cantonale e della Direttiva cantonale sono definitive.

Art. 22: Responsabilità finanziaria
È esclusa la responsabilità personale dei membri, salvo quanto previsto dalla legge per gli organi direttivi.
 
Torna ai contenuti | Torna al menu